Itinerari in provincia di Bergamo

La casa di Arlecchino a Oneta

E’ arrivato il periodo dell’anno più atteso dai bambini e il più colorato… CARNEVALE!

Tra maschere, coriandoli e frittelle alla crema, il divertimento è assicurato e Bergamo si è preparata al meglio per l’occasione.

carnevale a Bergamo - scendi e sali - blog di Silvia Mazzoleni.jpegOneta e la casa di Arlecchino: come in una favola

Per restare in tema Carnevale, fate un salto indietro nel tempo… camminate per i vicoletti e vi sembrerà di essere i protagonisti di una favola: il borgo medievale di Oneta vi accoglie con la casa di Arlecchino.

Siamo in una piccola frazione di San Giovanni Bianco, in provincia di Bergamo. Sotto l’edificio si trova quella che ai tempi era la principale via di collegamento della Valle Brembana, la via Mercatorum, che proseguendo a nord conduce all’altro suggestivo borgo storico di Cornello del Tasso.

oneta-casa-di-arlecchino-scendi-e-sali-blog-di-silvia-mazzoleni
Borgo di Oneta – foto di Federico Colombini

La casa di Arlecchino sorge in un palazzo risalente al ‘400, costruito in posizione strategica rispetto alla via di passaggio di mercanti e artisti e si presume che all’epoca fosse anche fortificato. Era di proprietà della potente famiglia locale dei Grataroli, che possedeva numerose ricchezze a Venezia, ed è caratterizzato da bellissime finestre gotiche. Secondo la tradizione è proprio qui che è vissuta la famosa maschera bergamasca di Arlecchino.

casa-di-arlecchino-a-oneta-scendi-e-sali-blog
Casa di Arlecchino a Oneta – foto di Federico Colombini

L’edificio venne poi restaurato verso la fine degli anni’80, trasformandosi in un palcoscenico naturale per le rappresentazioni teatrali dedicate alla maschera. Oggi la casa di Arlecchino ospita un museo al quale si accede salendo una robusta scala in pietra affacciata sulla caratteristica piazzetta del borgo. La casa riaprirà ad aprile e sarà visitabile in giorni e orari prestabiliti, a seconda del periodo. E’ possibile anche la prenotazione di visite guidate.

Storia della maschera di Arlecchino

Forse una delle più antiche maschere di Carnevale, Arlecchino è un servo-facchino davvero scaltro che cerca di estorcere quattrini ai suoi avari padroni. Una figura scattante e agile, dalla battuta sempre pronta ed in eterno conflitto con il lamentoso Brighella (per l’appunto l’attacca brighe).

arlecchino-oneta-scendiesali-blog-di-silvia-mazzoleni
Maschera di Arlecchino

La maschera di Arlecchino è originaria di Bergamo e fa parte della commedia dell’Arte. Arlecchino rappresenta la cultura veneziana e si distingue per il suo abito di vivacissime toppe multicolori e una maschera nera e fiammante.

Taverna di Arlecchino a Oneta

Dopo la visita alla suggestiva casa di Arlecchino, perché non deliziare il palato con qualche piatto tipico?

Vi consiglio la sottostante Taverna di Arlecchino, che ospita due sale e un piccolo cortile esterno, regalando ai suoi commensali un’atmosfera romantica e riservata.

taverna-di-arlecchino-a-oneta-scendi-e-sali-blog-di-silvia-mazzoleni
Taverna di Arlecchino a Oneta – foto di Federico Colombini

Il menu si basa sui prodotti di stagione e i classici della cucina bergamasca, non mancano i casoncelli con pancetta croccante e gli gnocchetti di patate con crema di strachì tound (formaggio tipico della Valle Brembana), il coniglio al forno ripieno e la deliziosa polenta taragna.

Vi consiglio di visitare presto la bellissima Oneta!!!

 

 

Annunci

1 thought on “La casa di Arlecchino a Oneta”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...